Mostre

UN PESCE FUOR D’ACQUA? / Venezia / 11 – 29 Settembre 2010

INVITO_VENEZIA_2010_NEW

Frammenti di un viaggio attraverso il Mediterraneo. Salone Gardini / Magazzini del Sale / Venezia / DORSODURO 263,
Vernissage sabato 11 settembre 2010 ore 18.30 

 Ai Magazzini del Sale, Magazzino Gardini, sede della Reale Società Canottieri Bucintoro di Venezia, è ospitata la personale di Marillina Fortuna “VENEZIA, UN PESCE FUOR D’ACQUA? Frammenti di un viaggio attraverso il Mediterraneo”. Tutte le opere presentate, in grande parte inedite, sono assemblaggi dei rifiuti che il mare riporta a riva. Una materia prima rigenerata, purificata, plasmata dal lavoro di un grande artigiano, il mare, e che l’artista usa così come la raccoglie, senza colorarla o cambiarne la forma.

Il titolo della mostra “VENEZIA, UN PESCE FUOR D’ACQUA?”, prende il nome dall’opera centrale del percorso espositivo. Un percorso in cui fiori, paesaggi, isole, dialogano con  pesci fantastici: abitanti di un  mare Mediterraneo  sempre  più  protagonista  nelle opere dell’artista,  che  sembra  qui  diventare “il Mare” simbolo di tutti i mari: nel rapporto stretto tra acqua e terra e coloro che ci abitano. Primi fra tutti i pesci.  E  sintesi di  questi  “frammenti di un viaggio (…)”  protagonisti  di una vitalità spesso in pericolo, una città simbolo: Venezia.

“VENEZIA, UN PESCE FUOR D’ACQUA?”, si domanda Marillina Fortuna, che ha tratto spunto per questo titolo dalla “guida” alla conoscenza della città lagunare (che è quasi un romanzo d’amore), scritta da Tiziano Scarpa “Venezia è un pesce” (Feltrinelli, 2000). “Venezia è un pesce. Guardala su una carta geografica. Assomiglia a una sogliola colossale distesa sul fondo. Come mai questo animale prodigioso ha risalito l’Adriatico ed è venuto a rintanarsi proprio qui?”

Nell’opera di Marillina Fortuna, Venezia è proprio questo pesce, ancora in movimento, forse colto un attimo prima di essere catturato (o di farsi catturare), all’amo della terraferma. Per l’artista

“c’è la consapevolezza di essere vicina all’errore, nel semplificare  Venezia attraverso quel meccanismo che la rende simbolica grazie all’uso delle parole che traducono le emozioni che genera. Ma c’è anche la tentazione di renderne omaggio in qualità di ispiratrice e “condensatrice” di concetti a me cari. Venezia come luogo di arrivo ma anche come punto di partenza; come sintesi di un viaggio e come manifestazione della meraviglia del fare dell’ uomo. Venezia è un insieme di isole che formano un’isola unica, ancorata al fango della laguna dai tronchi pietrificati che ne costituiscono le fondamenta. Compatta e dispersiva: quasi una città fortificata eppure tanto fragile. Venezia è probabilmente la città più ‘visitata’ al mondo: eppure così segreta, sconosciuta, misteriosa. Venezia mi appare chiaramente, questo sì, come la metafora della vita nella sua unicità, nella sua ricerca e nelle sue contraddizioni. Come  il suo essere “donna”. Donna e non “femmina”, come un’altra meravigliosa città del Mediterraneo…” 

Venezia 2010 Venezia 2010 Venezia 2010 Venezia 2010 SAMSUNG DIGITAL CAMERA Venezia 2010 SAMSUNG DIGITAL CAMERA SAMSUNG DIGITAL CAMERA SAMSUNG DIGITAL CAMERA SAMSUNG DIGITAL CAMERA Venezia 2010 SAMSUNG DIGITAL CAMERA

exhibition

UN PESCE FUOR D’ACQUA? / Venezia / 11 – 29 Settembre 2010

INVITO_VENEZIA_2010_NEW

VENEZIA, UN PESCE FUOR D’ACQUA?  “VENICE, A FISH OUT OF WATER?”

A depicted Venice: recognizable, and yet wonderful (a fish, maybe a dancing harlequin in a lagoon). Free: as only a fish or an harlequin can be…or maybe about to be caught or “give itself in”…

Talking about the sea in Venice, to recount my sea…(always full of surprises and waste material to assemblage), in Venice. Venice hosting this exhibition! Talking with the consciousness of being close to an error, simplifying this city using metaphors: words translating emotions which arouses. But there’s also the temptation to restore, as a tribute to its “inspirer”, “condenser” of concepts which are dear to me. Venice as a synthesis of a journey across the Mediterranean  which seems to have found both a starting point as well as a point of arrival in this place. An initiation, a landmark or simply a symbolic place ‘of’ and ‘for’ excellence?

Venice, seems to me a demonstration of wonders created by man: a group of islands forming a single island, anchored in the mud of a lagoon thanks to petrified trunks forming its foundation. Compact and disorganized: almost a fortified city yet, at the same time, much fragile. Venice is probably the most ‘visited’ city in the world; and nonetheless so ‘full of secret’, so unexplored, so mysterious. As Tiziano Scarpa  says in his book –“ Venice is a fish” – inspirer to both the title of a work of art as well as the exhibition: “Getting lost, the only place where it’s worthwhile  going.” Maybe there’s nothing to add…

But Venice seems to me – this must be said in a ‘sea’ of doubts-, a clear metaphor for life: in its unique being, in its search, in its contradictions. As its ‘woman’ being. Woman not ‘female’, as another marvellous Mediterranean city…

MARILLINA FORTUNA

Venezia 2010 Venezia 2010 Venezia 2010 Venezia 2010 SAMSUNG DIGITAL CAMERA Venezia 2010 SAMSUNG DIGITAL CAMERA SAMSUNG DIGITAL CAMERA SAMSUNG DIGITAL CAMERA SAMSUNG DIGITAL CAMERA Venezia 2010 SAMSUNG DIGITAL CAMERA